Nel mondo attuale la tecnologia sta assumendo giorno dopo giorno un ruolo di primaria importanza e molto più ampio per certi versi di quanto si ipotizzava in un passato nemmeno per altro troppo lontano, nel quale ci si illudeva di un avveniristico futuro dal sapore quasi della fantascienza.

Uno dei settori in cui questo è preponderante in modo evidente è quello delle telecamere, nel quale sono emerse alcune particolari apparecchiature definite come mirrorless.

Ma che cosa sono e in che cosa si distinguono le une dalle altre? Che cosa occorre tenere a mente prima di valutare il tutto?

Le fotocamere mirrorless sono spesso chiamate semplicemente mirrorless o mirror free. Le fotocamere mirrorless a lenti intercambiabili, spesso chiamate anche in questo caso mirrorless ma talvolta anche con la dicitura EVIL, sono dotate di un unico obiettivo monouso montato sul corpo della fotocamera e utilizzano un mirino elettronico piuttosto che un vero e proprio mirino ottico come alcune fotocamere. Un obiettivo viene spesso sostituito quando quello attuale è stato scartato per qualsiasi motivo. L’obiettivo viene poi rimosso dalla fotocamera e messo in un contenitore. Una volta fatto questo, l’obiettivo è di nuovo pronto all’uso.

Alcuni problemi delle fotocamere mirrorless sono che possono essere più inclini alla distorsione dell’immagine rispetto alle fotocamere tradizionali. Questo perché la fotocamera non ha un otturatore per catturare un soggetto in movimento e un oggetto in movimento può creare un’immagine dell’altro lato che può essere leggermente sfocata e questo può far sì che le immagini scattate dalle fotocamere mirrorless guardino fuori dal centro. Un obiettivo può anche essere incline alla distorsione perché è così vicino al corpo della fotocamera e quindi l’obiettivo può non essere in grado di mettere a fuoco se stesso allo stesso livello. Questo rende anche le riprese di paesaggi un po’ più difficili, in quanto è necessario scattare con l’obiettivo nel posto giusto. Tuttavia, la maggior parte delle fotocamere mirrorless permette al fotografo di passare da un obiettivo all’altro senza alcun problema e persino di utilizzare due obiettivi contemporaneamente, purché possano essere allineati correttamente.

Alcune diverse fotocamere mirrorless sono dotate di un sistema a doppio sensore. Ciò significa che una usa un sensore più piccolo per scattare l’immagine e l’altra ne usa uno più grande per catturare l’immagine. Questo permette al fotografo di scattare foto che hanno un aspetto più naturale, ma mantengono comunque la qualità dell’immagine che viene scattata dal sensore più grande. La maggior parte delle fotocamere mirrorless dispone di una gamma di diverse modalità di scatto e sono facili da usare e con cui scattare foto.

Per avere maggiori informazioni sull’argomento clicca qui.

Di admin